fbpx
auting.logo_

La condivisione dell’auto come ancillary service

Ogni struttura ricettiva, dal piccolo bed & breakfast o l’airbnb fino alla grande catena alberghiera, dovrebbe mettere in piedi una strategia di Revenue Management solida. In questa è senz’altro fondamentale includere gli ancillary services. L’obiettivo è quello di rendere l’esperienza degli ospiti davvero unica e allo stesso tempo aumentare il margine di guadagno. Noleggio bici e scooter, spa, percorsi benessere…i turisti oggi sono sempre più esigenti, per creare un servizio o l’offerta esperienziale di valore è necessario stimolare davvero le corde della propria clientela. Inoltre, spesso il gioco non vale la candela perché il margine di guadagno generato da questi servizi per strutture al di sotto delle 40 camere è in media inferiore ai 50 € a persona. Esiste davvero un servizio dal forte valore aggiunto capace di generare con un margine davvero consistente?

La risposta è sì, la soluzione è sotto gli occhi di tutti e forse proprio per questo meno evidente. Si tratta della condivisione dell’automobileLa condivisione dell’automobile è possibile in Italia grazie al  car sharing tra privati, un servizio in Italia offerto da  Auting, leggi più informazioni su come funziona. Auting offre la possibilità di condividere l’auto in due modi:

  1. Condividere l’auto che già possiedi quando non la usi
  2. Noleggiare un’auto a lungo termine con autorizzazione alla concessione a terzi. Scopri qui più dettagli, i modelli e le quotazioni.

Reddito addizionale per gli Airbnb, B&b e le catene alberghiere

Il car sharing tra privati è un servizio rivolto da un lato al grande pubblico degli automobilisti e dall’altro ai viaggiatori in cerca della prenotazione di un’auto per far fronte alle proprie necessità di spostamento. I singoli proprietari di automobile hanno la possibilità di ottimizzare l’uso del proprio mezzo di trasporto. Gradualmente però le piccole strutture ricettive ed oggi anche quelle di più grandi dimensioni hanno visto un’opportunità in questo modello. Nel servizio di Auting il proprietario dell’automobile (anche chiamato “Owner”) non dev’essere necessariamente una persona privata ma può essere anche una società

 

Il car sharing tra privati per il turismo leisure o business

L’offerta di un’automobile si rivela un asset quando si parla del settore dell’hospitality, oltretutto si tratta di un servizio trasversale a tutti i segmenti di turismo. La condivisione dell’auto ad esempio ha conquistato il turismo leisure grazie alla sua flessibilità e semplicità, il car sharing tra privati permette ai turisti nel nostro paese di completare la propria esperienza di viaggio accedendo ad un mezzo di trasporto indipendente con il quale raggiungere le attrazioni culturali e gli eventi che sono spesso troppo difficili da raggiungere in altro modo. In questo modo si incentiva una vera e propria multi-modalità che consente agli utenti di organizzare un viaggio senza fare affidamento sulla propria auto bensì utilizzandola come un servizio on demand da richiedere al proprio Host.

Molti proprietari di Airbnb hanno acquistato uno o più veicoli come investimento da accompagnare all’affitto dei propri appartamenti e incrementare esponenzialmente i propri guadagni. Lo stesso vale per i Bed and Breakfast. i quali grazie alla prossimità con i propri clienti sono in grado di consigliare ai propri clienti le mete turistiche e le esperienze turistiche alternative, magari proprio con l’automobile. 

Per quanto riguarda il segmento Business, l’offerta di un veicolo durante il proprio viaggio di lavoro è davvero un must have per una struttura che si rispetti. Un caso d’uso che si verifica ad esempio è la richiesta da parte degli ospiti di un’auto di sostituzione in caso di emergenza. Un altro caso può essere la richiesta di un veicolo per spostamenti di lavoro, qualora il cliente non faccia precisa richiesta di un noleggio con conducente un veicolo della struttura in car sharing tra privati potrebbe essere più conveniente per il cliente in termini di prezzo e ovviamente più profittevole della struttura. Ciò permette anche di non dover indirizzare il proprio utente ad un’agenzia di noleggio ma fornire il servizio equivalente proprio all’interno della propria struttura.
I veicoli che possono essere pubblicati su Auting non hanno restrizioni in termini di categoria, questo permette di mettere a disposizione veicoli di diverse fasce di prezzo a seconda della propria clientela. Gli unici veicoli che non sono accettati su Auting sono i veicoli immatricolati da oltre i 15 anni e quelli che possono trasportare oltre i 9 passeggeri. 

Il car sharing tra privati nel settore del turismo sanitario

Auting è stata scelta anche nell’ambito del turismo sanitario. Lo testimonia la recente collaborazione tra Auting e Nice Hospitality. Nice Hospitality è il primo portale in Italia dedicato al turismo sanitario. Grazie alla collaborazione in corso le strutture convenzionate riceveranno degli sconti per i propri Guest sul prezzo della condivisione. In questo i proprietari avranno una leva in più per poter fornire il proprio servizio ancillare di condivisione del veicolo. D’altra parte i visitatori avranno uno sconto che permetterà loro di accedere ad un veicolo per l’intera durata del proprio soggiorno ad un prezzo imbattibile, soprattutto in alta stagione.

Un servizio richiesto dai turisti stranieri

Il car sharing tra privati è un servizio molto richiesto tra i turisti americani, inglesi, francesi e nord europei perché già presente da molti anni nel proprio paese d’origine. Il diverso rapporto che hanno gli italiani con l’automobile ha sicuramente ritardato l’avvento del car sharing tra privati anche in Italia ma per un turista e cliente di una struttura alberghiera la modalità di fruizione di questo servizio sono ben note e di forte interesse. Oggi grazie ad Auting il servizio è realtà per i turisti come anche per gli italiani. 

Quanto si guadagna e come funziona

L’automobile è un bene strumentale che può essere condiviso ai propri clienti grazie alle piattaforme di car sharing tra privati. Questo servizio è la massima espressione dell’ancillary service, come abbiamo già menzionato ha davvero una valore funzionale. Oltre a questo però si aggiunge il forte valore in termini di guadagno: il prezzo della condivisione è fissato dall’Owner stesso sulla piattaforma di Auting, l’Owner quindi guadagnerà il totale del prezzo deciso, sottratto della commissione della piattaforma Auting, ovvero il 30% del prezzo stabilito. Dentro la commissione di Auting è inclusa l’assicurazione creata appositamente con Reale Mutua per garantire un viaggio in totale sicurezza sia per il guidatore che per l’automobile.
Il proprietario può quindi gestire in totale autonomia la propria offerta di prezzo e anche di disponibilità del veicolo. In media la condivisione dell’auto può generare più di 180 € al giorno a vettura. 

Il personale della struttura può proporre il proprio veicolo ai clienti in fase di prenotazione oppure alla reception della struttura. Il Guest dovrà soltanto registrarsi in pochi clic al sito di Auting per accedere al servizio e all’assicurazione kasko che sarà attiva al momento della condivisione. 

Contattaci

support@auting.it

Partners

© Yago s.r.l. 2023 – all rights reserved – P. IVA 03488191200   Cookie policy – Credits